Teatro Contavalli

Teatro Contavalli

Scheda

In una parte del convento dei carmelitani di San Martino apre i battenti il 3 ottobre 1814 il teatro voluto e finanziato dal dottor Antonio Contavalli, fortunato speculatore sui Beni Nazionali e attore dilettante.

Il progetto è dell'ingegnere capo comunale Giovanni Battista Martinetti e dall'architetto Giuseppe Nadi, che hanno ideato tre ordini di palchi per una capienza di 800 persone. A decorare il teatro sono stati chiamati i migliori artisti della vicina Accademia di Belle Arti: gli ornamenti in stucco del boccascena sono di Pietro Trefogli; la sala e il sipario sono dipinti da Antonio Basoli. Altre parti vedono all'opera Pietro Fancelli, Luigi Cini, Rodolfo Fantuzzi, Mauro Berti.

Il teatro è inaugurato con il dramma per musica “Matilde ossia la Selvaggia” di Carlo Coccia. Poco dopo sarà rappresentata “L'Italiana in Algeri” di Gioacchino Rossini, cantata da Maria Marcolini, che avrà tanto successo – riceverà tra gli altri le lodi di Stendhal – da essere replicata al Teatro Comunale e al Corso. Il Contavalli sarà temporaneamente chiuso dopo la Restaurazione, per la contiguità con la chiesa parrocchiale di San Martino, ma dopo reiterate richieste del proprietario potrà riprendere nell'estate 1816 con una replica dell' “Italiana in Algeri” e la prima assoluta del “Barbiere di Siviglia” di Rossini. Il maestro di Pesaro sarà per diversi anni protagonista del cartellone del teatro e si può dire che esso contribuirà fortemente alla popolarità della sua musica a Bologna.

Dopo la morte del proprietario nel 1823 il Contavalli comincerà ad ospitare spettacoli per beneficenza, tanto che otterrà dal Legato il permesso di apertura anche al venerdì. Le recite saranno messe in scena dall'Accademia dei Concordi, gruppo di giovani appassionati di teatro, che diventerà un'istituzione cittadina. Al Contavalli reciteranno commedie alfieriane inneggianti alla libertà giovani interessanti quali Gustavo Modena, Augusto Aglebert, Luigi Pescantini. Il Contavalli nel '900 è sede dei trionfi di Angelo Gandolfi, che recitava le commedie dialettali di Fanfulla Fabbri. Anche Alfredo Testoni vi lavora a lungo come autore e capocomico. Il pubblico è composto soprattutto dai popolani del vicino Borgo della Mascarella.

Nel 1938 viene ristrutturato come cinematografo. Per anni era stato il tempio dei filodrammatici e del teatro in vernacolo, gestito dall'impresario e regista Goffredo Galliani, che del teatro era divenuto proprietario dal 1923 e vi abitava. Il Contavalli sopravvive come cinema a luci rosse fino al 1979.

In collaborazione con 'Cronologia di Bologna' della Biblioteca Sala Borsa.

Leggi tutto

Luoghi

Eventi

Organizzazioni

Persone

38 biografie:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z 0-9 TUTTI
Multimedia
Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica
Bologna dove suona - Girovagando tra luoghi della musica

Documentario di Riccardo Marchesini per Girovagando e Giostra film.

Bologna nella Restaurazione
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf
Documenti
Bologna Città della Musica
Tipo: PDF Dimensione: 458.72 Kb

Bologna vanta una tradizione musicale così ricca da aver meritato la nomina dell’Unesco a Città Creativa della Musica, prestigioso riconoscimento che si fonda sulle eccellenze del passato e sulla ricchezza delle proposte del presente.

Spasso con Rossini (A)
Tipo: PDF Dimensione: 4.72 Mb

A spasso con Rossini, un percorso urbano dedicato a Gioacchino Rossini (1792 – 1868), che vive  a Bologna dal 1799 al 1851, lasciando molte tracce della propria permanenza.

Ehi! ch'al scusa all'Esposizione n. 17
Tipo: PDF Dimensione: 2.77 Mb

L'Ehi! ch'al scusa all'Esposizione - N. 17, Bologna 29 settembre 1888, Litografia Sauer e Barigazzi, Società Tipografica Azzoguidi.

Cannocchiale (Il)
Tipo: PDF Dimensione: 1.99 Mb

Il Cannocchiale, giornale umoristico, anno 1 n. 15, Bologna, 14 Gennaio 1860

Lettura (La)
Tipo: PDF Dimensione: 10.91 Mb

Articoli su sport, giochi e passatempi. Estratti dal periodico 'La Lettura - rivista mensile del Corriere della Sera', Milano, 1905/1906

Bologna d'oggi - 1927 - n. 1
Tipo: PDF Dimensione: 16.60 Mb

Bologna d'oggi - Rassegna illustrata mensile. Anno I n. 1 - marzo 1927. Tipografia Casini, Bologna.

Bologna d'oggi - 1928 - n. 4
Tipo: PDF Dimensione: 13.92 Mb

Bologna d'oggi - Rassegna Bimestrale Illustrata. Anno II n. 4 - novembre 1928. Officina Grafica Combattenti, Bologna.

Apri mappa